Home arrow Davidiana  
Home
Informazioni
Davidiana
Attività
Biblioteca
Premio Europa DMF
Lusitania
Link utili
Ringraziamenti





Password dimenticata?

Image

DAVID MOURÃO-FERREIRA

CRONOLOGIA

1927 - DMF nasce a Lisbona il 24 febbraio, in via Joaquim Casimiro nei pressi del Tago. È primogenito di Teresa de Jesus Mourão-Ferreira e di David Ferreira, collaboratore della rivista "Seara Nova" e funzionario della Biblioteca Nazionale di Lisbona, da poco rimosso dal suo incarico per aver partecipato con Jaime Cortesão, António Sérgio, Aquilino Ribeiro e Raul Proença alla fallita rivolta antifascista del 7 febbraio.

1929 - Nasce Jaime Alberto, fratello di David.

1942 - Il 22 maggio nel Colégio Moderno - dove ha studiato sin dalle elementari - fondato e diretto dal Dr. João Soares, DMF tiene la conferenza Antero, Poeta e Uomo d'azione dando così inizio alla sua lunga e prestigiosa attività di conferenziere. In questa sua prima esperienza giovanile gli è accanto, con il compito di recitare le poesie di Antero, il compagno di scuola Mário Soares, futuro Presidente della Repubblica. Il giornale scolastico "Gente Moça" pubblica i suoi primi articoli.

1945 – Inizia la sua carriera letteraria con la pubblicazione sulla rivista "Seara Nova" delle sue prime poesie. Si iscrive alla Faculdade de Letras da Universidade de Lisboa dove stringerà amicizia con grandi personalità della cultura portoghese contemporanea come Vitorino Nemésio, Hernâni Cidade, Andrée Crabbé Rocha, Maria de Lourdes Belchior, Jacinto do Prado Coelho, i quali avranno un ruolo determinante nella sua formazione personale e accademica. Si iscrive al MUD (Movimento Unità Democratica) e si batte per libere elezioni. Nel frattempo si accosta alle opere di grandi scrittori del modernismo portoghese ed europeo come Paul Valery, André Gide, Marcel Proust, Valery Larbaud, Leo Spitzer e Ernst Cassirer.

1946 - Collabora alle riviste "Seara Nova" e "Aqui e Além" con saggi su Pessoa, Jean Paul Sartre e André Gide.

1947 – Stringe amicizia con gli scrittori José Régio, José Rodrigues Miguéis, António Manuel Couto Viana. Entra a far parte del gruppo di intellettuali che si riunisce al primo piano del Café Chave d'Ouro. Pubblica su "Seara Nova" un saggio su M. Teixeira-Gomes.

1948 – Entra a far parte come autore ed attore – esibendosi in ruoli della commedia dell'arte - del cast del Teatro da Rua da Fé e partecipa al movimento del Teatro-Estúdio do Salitre, primo serio tentativo di teatro sperimentale in Portogallo. Qui vede rappresentato il suo poema drammatico Isolda. Frequenta un corso estivo alla Sorbona insieme a Maria de Lourdes Belchior, Matilde Rosa Araújo e António Coimbra Martins.

1949 - Sulla rivista "Ocidente" pubblica il saggio Acerca de uma Trajectória na poesia de Cesário Verde. Stringe amicizia con Fernanda Botelho e Henrique Segurado.

1950 - Esce il primo dei 20 numeri di "Távola Redonda", la rivista di poesia che DMF fonda e dirige fino al 1954 con António Manuel Couto Viana e Luiz de Macedo. Nei suoi pochi ma intensi anni di vita, la rivista svolgerà un ruolo di primo piano nella diffusione della poesia e farà conoscere alcuni dei poeti più rappresentativi della "Geração de 50" come Daniel Filipe, Egito Gonçalves, Fernanda Botelho, Sebastião da Gama, Alfredo Margarido. Pubblica il suo primo volume di poesie: A Secreta Viagem, la cui prima recensione è firmata da Urbano Tavares Rodrigues. È l'inizio di un’imperitura amicizia tra i due scrittori. Al Teatro-Estúdio do Salitre viene rappresenta la sua commedia in un atto Contrabando. Interpreta il ruolo del protagonista nella commedia Jean de la Lune di Marcel Achard.

1951 - Si laurea in Filologia Romanza con una tesi su Sá de Miranda. Insegna nella Escola Comercial de Veiga Beirão e nel Liceu de Pedro Nunes. Nonostante il servizio militare lo porti a Mafra e a Portalegre, pubblica poesie e saggi su riviste come “Árvore”, “Tetracórnio” e "Távola Redonda" dove continua la sua attività come direttore. Ha inizio il lungo sodalizio con la cantante Amália Rodrigues per la quale scrive i testi dei fados Abandono - più noto come Fado Peniche - Barco Negro, Maria Lisboa, Madrugada de Alfama, Aves Agoirentas (Rendição), Libertação, Primavera, ecc.

1952 - A Portalegre, dove svolge il servizio militare, frequenta assiduamente José Régio e continua a scrivere per le riviste "Árvore", "Seara Nova" e "Távola Redonda". Insegna, fino al 1957, nelle scuole secondarie.

1953 - Sposa Maria Eulália Barbosa de Carvalho. Da questa unione nasceranno David João (1954) e Adelaide Constança (1957). Pubblica poesie, saggi e traduzioni di poesie di Catullo su varie riviste ed entra a far parte della redazione di "Seara Nova".

1954 - Tempestade de Verão (po.) gli vale il premio "Delfim Guimarães" attribuitogli da una giuria di cui fanno parte Sophia de Mello Breyner Andresen, Tomaz Kim e Cabral do Nascimento. "Diário Popular" gli affida la rubrica di critica di poesia da lui curata fino al 1957.

1956 – Scrive fino al 1957 sulla rivista "Graal", su “Vértice” e su giornali come “Diário Popular” e “O Primeiro de Janeiro”. Ha inizio l'amicizia con Natália Correia.

1957 - Assistente della Facoltà di Lettere dell'Università di Lisbona. Gli viene affidata la Cattedra di Teoria della Letteratura e di Letteratura Portoghese, tenuta fino al 1963.

1958 – Pubblica Os Quatro Cantos do Tempo (po.).

1959 - Escono i racconti di Gaivotas em Terra, premiati dall’Academia das Ciências de Lisboa con il "Prémio Ricardo Malheiro", anche se osteggiati come testi pornografici e sovversivi.

1960 – Pubblica Vinte Poetas Contemporâneos (sa.) e À Guitarra e à Viola (po.), in cui raccoglie anche testi di fados cantati e resi celebri da Amália Rodrigues. In questo periodo, e successivamente tra il 1969 e il 1971, collabora al Dicionário de Literatura diretto da Jacinto do Prado Coelho.

1961 – Pubblica Aspectos da Obra de M. Teixeira-Gomes (sa.)

1962 - Pubblica In Memoriam Memoriae (po.); Motim Literário (sa.) e O Viúvo (ra.), dal 1968 in Os Amantes.

1963 - Pubblica Infinito Pessoal ou A Arte de Amar (po.). Scattano misure repressive contro il giovane intellettuale accusato di aver sostenuto la candidatura del generale Humberto Delgado alla Presidenza della Repubblica: la Facoltà di Lettere dell'Università di Lisbona non gli rinnova il contratto di assistente. Collabora all'Enciclopédia Verbo. Viene eletto segretario generale della Sociedade Portuguesa de Autores.

1964 - Con i programmi radiofonici Música e Poesia e Hospital das Letras ha inizio la collaborazione con la RTP (Rádio Televisão Portoguesa) e con la Emissora Nacional de Radiodifusão. Viene proiettato Fado Corrido (per la regia di Jorge Brun do Canto), film interpretato da Amália Rodrigues e tratto dal racconto "Agora o Fado Corrido" di Gaivotas em Terra.

1965 - È allontanato dalla RTP e dalla Emissora Nacional a seguito delle sue energiche proteste contro la chiusura della Sociedade Portuguesa de Escritores disposta da Salazar per ripicca contro l'assegnazione del premio di narrativa allo scrittore José Luandino Vieira, all'epoca recluso nel campo di concentramento di Tarrafal di Capo Verde. È nominato segretario-generale della Sociedade Portuguesa de Autores, carica che manterrà fino al 1974. Pubblica l’opera teatrale in due atti O Irmão, che ripropone in chiave moderna la tragedia di Oreste e di Elettra. Gli viene attribuito il premio "Teatro da Casa da Imprensa". In Agosto intraprende un viaggio in Grecia e visita per la prima volta, anche se di passaggio, l’Italia. Si ferma a Roma, Firenze e Milano. È l'inizio di un lungo e duraturo amore per il Bel Paese.

1966 – Pubblica Do tempo ao Coração (po.) e Hospital das Letras (sa.). Firma la prefazione all'Antologia da Poesia Portuguesa Erótica e Satírica di Natália Correia. Il volume, oggetto di pesanti censure "por imorais razões morais", susciterà grande scandalo trascinando davanti ad un tribunale speciale l’Autrice - che sarà condannata - il prefattore e l’editore. Sposa in seconde nozze Maria do Pilar de Jesus Barata.

1967 – Pubblica A Arte de Amar (ant. po.). A Marzo ritorna in Italia per la seconda volta e soggiorna a Roma.

1968 – Pubblica Os Amantes (ra.). Ritorna in Italia: Roma, Napoli, Sorrento, Capri, Perugia, Assisi, Rimini, San Marino, Ravenna, Bologna, Ferrara, Venezia. Sono i luoghi che gli ispireranno Discurso Directo.

1969 - Pubblica Lira de Bolso (ant. po.) e Discurso Directo (sa.) - raccolta di saggi in parte dedicati all’Italia - Tópicos de Crítica e de História Literária (sa.). Collabora con Natália Correia alla traduzione e pubblicazione di A Arte de Amar di Ovidio, di cui scrive anche la prefazione. Comincia la sua collaborazione al programma televisivo Imagens da Poesia Europeia le cui traduzioni saranno pubblicate successivamente solo in parte in volume e recentemente raccolte in "Colóquio/Letras". Trascorre ancora una Settimana a Roma.

1970 - Viene reintegrato nelle funzioni di docente dell'Università di Lisbona - senza il necessario benestare della PIDE - dal ministro dell’Educazione Nazionale José Hermano Saraiva.

1971 - Esce l’opera in progress Cancioneiro de Natal (po.).

1972 – Grazie a Cancioneiro de Natal vince - senza avervi concorso - il "Prémio Nacional de Poesia". Pubblica l’antologia Imagens da Poesia Europeia, vol. I.

1973 – Pubblica una nuova raccolta di poesie: Matura Idade. Il governo francese lo insignisce dell’onorificenza di “Chevalier de l’Ordre des Arts et des Lettres”. Tra Settembre e Ottobre torna ancora una volta in Italia e visita Milano, Bergamo, Vicenza, Verona, Padova, Trieste, Venezia e Trento.

1974 – Pubblica Os Amantes e Outros Contos (ra.) e Sonetos do Cativo (po.). Di nuovo testimone in un processo per pornografia, questa volta in difesa di Maria Teresa Horta. Nel mirino della censura, nonostante le proteste di molti intellettuali di varie parti del mondo, sono le "tre Marie" per la pubblicazione delle Novas Cartas Portuguesas. Il 25 aprile, la caduta del regime fascista, lo coglie ad Arezzo, a rappresentare l’Academia das Ciências nelle celebrazioni per il centenario della morte di Petrarca. Rientrato in Portogallo, assume la direzione del giornale "A Capital", tenuta fino al 1975. In Settembre torna nuovamente in Italia.

1975 - Alla fine di Settembre visita ancora una volta Roma, dove inaugura due mostre di arte portoghese contemporanea. Viene nominato Direttore del giornale "O Dia", sotto la direzione di Vitorino Nemésio. Manterrà questa carica fino al 1976.

1976 - È nominato Segretario di Stato per la Cultura nel sesto Governo Provvisorio e nel primo (1976-1977) e quarto (1979) Governo Costituzionale. In questo clima di instabilità politica svolge fino al 1979 un'intensa attività di promozione della cultura portoghese e degli scrittori Miguel Torga, Vitorino Nemésio, Alexandre Herculano, Teixeira de Pascoaes. Pubblica As lições do Fogo (po.), Sobre Viventes (sa.). Viene insignito in Brasile della Grã Cruz da Ordem de Rio Branco.

1977 - Muore il fratello Jaime Alberto. Pubblica Presença da “Presença” (sa.). In Ottobre trascorre una settimana in Italia fermandosi a Roma, Genova e Milano.

1978 – Pubblica Órfico Ofício (po.). Presenta a Roma e a Parigi l'edizione delle Cartas de Amor de Fernando Pessoa da lui curata in collaborazione con Maria de Queirós. Dirige per la casa editrice Bertrand l'edizione delle Obras completas di Vitorino Nemésio, su incarico degli eredi dello scrittore. In settembre, visita la Sicilia e due mesi dopo torna nuovamente a Roma.

1979 - Esce Lâmpadas no Escuro (sa.), e Portugal, a Terra e o Homem: Antologia de Textos de Escritores do Século XX, di cui è responsabile per la 1ª, 2ª e 3ª serie del II vol. (1979-1981).

1980 - La Livraria Bertrand pubblica in 2 volumi Obra Poética (che raccoglie À Guitarra e À Viola e Ófico Óficio). Escono Entre a Sombra e o Corpo (po.), Ode à Música (po.) e As Quatro Estações (ra.), quest’ultimo premiato l’anno seguente con il "Prémio da Crítica do Centro Português da Associação Internacionale dos Críticos Literários".

1981 - Assume la direzione del settore «Bibliotecas Itinerantes e Fixas» della Fundação Calouste Gulbenkian.

1983 – Alcuni dei suoi testi vengono adattati per il cinema e la televisione: Aos Costumes Disse Nada è adattato per il cinema da José Fonseca e Costa col titolo Sem Sombra de Pecado e Um Amor Feliz in cui lo stesso DMF si cimentò come attore.

1984 – È eletto presidente della "Associação Portuguesa de Escritores" per il biennio 1984-86. Assume la carica - mantenuta fino al 1992 - di vice-presidente dell'"Association Internationale des Critiques Littéraires". Gli viene affidata la rivista "Colóquio/Letras" da lui diretta per dodici anni.

1985 – Pubblica Os Ramos Os Remos (po.).

1986 - Esce il suo unico romanzo, Um Amor Feliz, premiato con il "Prémio de Narrativa do Pen Clube Português", "Prémio D. Diniz da Fundação Casa de Mateus", "Prémio de Ficção do Município de Lisboa", "Grande Prémio de Romance e Novela da Associação Portuguesa de Escritores", ecc.

1987 – Pubblica O Corpo Iluminado, una raccolta di poesie su disegni dello scultore Francisco Simões, Duas Histórias de Lisboa (ra.) e O Essencial sobre Vitorino Nemésio (sa.).

1988 – Esce Obra Poética 1948-1988 - che raccoglie tutte le poesie già pubblicate in precedenza e il più recente No veio de cristal - premiato con il "Grande Prémio Inasset de Poesia". Pubblica Marguerite Yourcenar: Retrato de uma Voz (sa.) e Nos Passos de Pessoa (sa.), opera quest’ultima che gli vale il premio "Jacinto do Prado Coelho". Esce la 2ª ed. riveduta e ampliata di O Irmão.

1989 - Pubblica le raccolte di saggi Os Ócios do Ofício, Sob o Mesmo Tecto: Estudos Sobre Autores de Língua Portuguesa, e Magia, Palavra, Corpo: Perspectiva da Cultura de Língua Portuguesa.

1991 - È nominato presidente del Pen Club Português.

1992 – Pubblica Lisboa. Luzes e Sombras (po.) in collaborazione con il fotografo Pepe Diniz; Maria da Luz (ant. ra.), Arte de Amar (ant. po.), Terraço Aberto (cro. e sa.) e Tópicos Recuperados: Sobre a Crítica e Outros Ensaios (sa.).

1993 - Esce la raccolta di aforismi Jogo de Espelhos. Reflexos para um auto-retrato.

1994 - Pubblica Música de Cama (po.), un’antologia di poesie ‘erotiche’ seguita dall'eponima raccolta inedita.

1995 - Viene colpito da una grave malattia contro la quale lotta con determinazione. Escono su "Colóquio/Letras" le Rime Petrose (po.), che raccolgono anche poesie di epoca precedente. Pubblica il CD-ROM Monumento de Palavras, una scelta di 35 poesie lette dall’autore destinate a raccogliere fondi a favore della Croce Rossa Portoghese.

1996 - Riceve il “Prémio de Consagração de Carreira da Sociedade Portuguesa de Autores”. È decorato con la Grã-Cruz de Santiago de Espada. Il 16 giugno si spegne nel sonno a Lisbona. Dopo l’orazione funebre, tenuta dal suo amico di sempre Urbano Tavares Rodrigues, viene sepolto nel Cimitério dos Prazeres.